DOCENTI

Il bilancio del Magnifico Rettore Enzo Siviero

enzo-siviero

Da oltre due anni sono Rettore dell’Università eCampus e vorrei tracciare un primo bilancio sul percorso che la nostra istituzione sta percorrendo. Il mandato che mi è stato conferito è orientato alla progettazione e realizzazione di un’università in linea con la contemporaneità e la sperimentazione, capace di rinnovarsi e proiettarsi nel futuro.

A ciò mi sono votato sin dai miei primi passi, conscio che il compito non sarebbe stato affatto semplice, ma, tuttavia, convinto che il futuro non possa prescindere dall’e-learning, mi sono attivato con entusiasmo e impegno su tale linea.

L’azione del mio rettorato si è poi sviluppata, creando le premesse per una serie di accordi nazionali e internazionali, alcuni dei quali già resi operativi. In particolare, convinto della vocazione mediterranea del sistema Paese e quindi delle istituzioni formative, mi sono spinto con azioni concrete in Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Palestina, Libano, Turchia e Grecia. Allargando l’azione dell’università al continente africano, dove si stanno determinando i maggiori tassi di crescita demografica ed economica, altri rapporti sono in corso di attivazione con Nigeria e Somalia, con l’ipotesi di una missione presso l’Unione Africana, per formalizzare una presenza sistematica di eCampus con la sua piattaforma telematica,modalità pedagogica a cui molto punta l’Africa in vista dell’immediato futuro. Tali azioni vanno a completare l’opera di espansione del polo universitario in Europa dell’est e in Cina. Altro tema di auspicabile sviluppo di eCampus è l’insegnamento in italiano all’estero in àmbito “beni culturali”, d’intesa con il Ministero degli Affari Esteri e il Mibact.

L’aspetto più entusiasmante della mia reggenza consiste nel riscontro di enormi potenzialità da parte del corpo docente, a cui si unisce la forte motivazione del personale non docente. Sul fronte di una maggiore efficienza didattica molto è stato fatto, soprattutto sul fronte del reclutamento, cogliendo opportunità da altre sedi, anche in convenzione, e andando oltre la mera ottemperanza ai requisiti minimi richiesti dal Miur, per risultare ancor più attrattivi dagli studenti, soprattutto neodiplomati. Importantissima in tal senso è l’azione promozionale in corso nelle varie sedi d’intesa con i locali provveditorati. Da Rettore ho quindi implementato la promozione della ricerca, incoraggiando altresì la partecipazione dei nostri docenti a bandi europei con significativi risultati. Si sta poi valutando concretamente quali linee perseguire per attivare dottorati di ricerca, puntando direttamente su quelli internazionali attraverso accordi con prestigiosi atenei europei ed extraeuropei. Tutto ciò ha trovato adeguata collocazione sul piano strategico, molto articolato e ambizioso, e per il quale, peraltro, la governance di ateneo è già fortemente impegnata.

Va inoltre segnalata la forte azione del nostro ateneo (e in ciò siamo indubbiamente facilitati dalla nostra collocazione, territorialmente diffusa) verso la “terza missione”, nel raccordo con il mondo esterno, di cui ormai ad ogni livello di declamano necessità e urgenza, per dare concretezza alle speranze dei nostri giovani. In tal senso le iniziative quali i “master professionalizzanti”, i “corsi innovativi”, per un ingresso rapido e qualificato dei nostri laureati nel mondo del lavoro, ma anche seminari e convegni aperti al territorio, nonché (ed è un primato di cui eCampus va orgogliosa) la promozione e l’acquisizione della registrazione di case history raccontati dai diretti protagonisti “sul campo”, al fine di far toccare con mano agli studenti la realtà del mondo del lavoro attraverso ben documentate, e ampiamente vissute, esperienze altrui. Ebbene, le iniziative culturali ormai consolidate della sede di Roma, e recentemente allargate anche alle altre sedi, possono dare frutti significativi. Ciò, e ne sono pienamente convinto, rende eCampus un’eccellenza nel panorama didattico nazionale.

L’attività didattica in e-learning viene dunque integrandosi con le molteplici sedi fisiche dell’università, in tutto il territorio italiano che divengono efficacemente luoghi di attività universitaria ma anche incontro e di socializzazione tra studenti e docenti. E’ insomma un nuovo paradigma che eCampus interpreta, proponendo già da ora il modello tradizionale trasformato dall’accelerazione tecnologica più avanzata e diffusa.

Sono questi alcuni dei temi su cui il mio Rettorato sta lavorando, con grande soddisfazione, in un confronto continuo e benefico con altre realtà università tradizionali e operanti sul territorio nazionale. La missione che mi ero prefisso consisteva nell’accompagnare eCampus, nell’arco di un biennio o poco più, a un primato tra le università telematiche, oltreché a ottenere un acclarato riconoscimento nazionale e internazionale di assoluto rilievo, con ciò rendendo ancor più attrattivo l’ateneo, aumentandone significativamente il numero di studenti iscritti e al contempo la qualità della didattica e della ricerca, innestando l’opera di formazione nel tessuto socioculturale della nazione.

Siamo vicini al conseguimento di un simile obbiettivo. Per questo motivo a tutti va il mio ringraziamento più profondo ed entusiasta per lo straordinario lavoro che il corpo dell’università sta svolgendo.

Enzo Siviero
Magnifico Rettore di eCampus

Contattaci
SHARE
RELATED POSTS
Workshop
Digital Product Development Strategies e il Design To Cost
salvini-di-maio
Si salvi chi può
g7-2018
L’impotente inutilità del G7