ATTUALITÀ

Peppa Pig censurata dai social media in Cina: «È sovversiva»

peppa-pig

La simpatica maialina protagonista dell’omonimo cartone animato della BBC è stata bandita e censurata dai social media cinesi a causa dei suoi comportamenti, atteggiamenti e discorsi troppo “sovversivi”. A notarlo, sono stati molti utenti che nel weekend hanno visto la scomparsa di tutte le clip che la riguardavano e dei 30.000 episodi del cartone dall’archivio video del sito Douyin.com.

Sebbene Peppa Pig riscuotesse grandissimo successo tra i bambini, secondo i media cinesi citati dalla BBC, era molto apprezzato anche dagli adulti, che probabilmente sono la vera causa principale di quanto accaduto. Infatti, i personaggi del cartoon erano diventati protagonisti di un numero sempre crescente di parodie a sfondo sessuale. Secondo il Global Times, alla fine, la serie originale è stata accostata a “toni sovversivi” in grado di “penalizzare la morale positiva della società” a causa della viralità raggiunta.

Dal Quotidiano del Popolo, in effetti, era stata rivolta alla maialina l’accusa di fomentare una sottocultura ostile ai valori del Partito Comunista cinese, volta ad allontanare i giovani dai “valori centrali del socialismo”.

Contattaci
SHARE
Dottore in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, laureato all’Università Statale di Milano con una tesi sull’editoria multimediale e la comunicazione online, è da diversi anni social media strategist, copywriter e autore per il Web, per la TV e per la radio.
RELATED POSTS
Norman-Bates-Terminator
Creata l’intelligenza artificiale psicopatica: serve Freud 2.0?
commissari-esterni
Maturità 2018: si avvicinano gli esami
“El aborto legal”: al via il voto sull’aborto in Argentina