ATTUALITÀ

Chi sono i migliori Chief Information Officer (CIO) italiani

Cio+-Italia-Award-2019

Il Cio+ Italia Award è un’occasione più generale per testare il polso delle imprese nazionali medio grandi e comprendere come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione stiano impattando su business e cultura aziendale.

Il Chief Information Officer, o direttore informatico, è il manager responsabile della funzione aziendale tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Di solito risponde direttamente all’amministratore delegato (CEO). Questo tipo di figura professionale ha un ruolo determinante nelle imprese che decidono di abbracciare i metodi di lavorazione della quarta rivoluzione industriale.

Ieri, 2 aprile 2019 presso la Fonderia Napoleonica di Milano, sono stati premiati i sei migliori chief information officer e digital leader italiani, che hanno saputo elaborare visioni e progetti in grado di cambiare volto all’azienda.
Le categorie in cui sono stati assegnati i premi sono sei, a fronte di 70 progetti candidati.
Nelle scorse edizioni, è stato premiato il chief information officer che si è distinto a livello globale, che ha saputo usare la tecnologia per un cambio di passo qualitativo in azienda, o ancora, il professionista che ha prodotto un accelerazione grazie a un progetto strategico. Poi ancora premi per il CIO che lavora alla digitalizzazione in ambito pubblico, a quello che lavora in ambito bancario e infine al leader che con un progetto visionario è riuscito a migliorare le dinamiche di business.

A valutarli, e quindi a decidere i premi, una giuria a sua volta composta da altri leader che provengono dal mondo dell’impresa ma anche dell’accademia e del settore legale. Tra questi saranno presenti Banca 5, BonelliErede, CIID, Enel, Google Cloud, H-Farm, Humanitas, Inail, Magneti Marelli, PwC, Università Bocconi, Sogei e Workday.  

I dati riscontrati grazie a questo evento sono importanti: come indicava anche una recente ricerca condotta dagli osservatori della School of management del Politecnico di Milano, attraverso le risposte di 250 tra chief innovation officer e chief information officer, gli investimenti delle imprese italiane per l’innovazione digitale stanno crescendo e nel 2019 è previsto un incremento medio del+2,6% del budget Ict.

“in crescita nel 39% delle imprese, con investimenti concentrati in particolare nella dematerializzazione dei documenti, nei big data analytics e nei sistemi erp”

La ricerca conferma che innovare digitalmente non è affidarsi ai tradizionali schemi di business, ma soprattutto lavorare sulla cultura aziendale, approcciare nuovi modelli di impresa adottando spesso un metodo di pensiero laterale.

Contattaci
SHARE
RELATED POSTS
Il futuro dell’università è la double degree?
Netflix, Amazon, Apple e Disney: la guerra dei giganti
imprese-femminili
Le imprese italiane si colorano di rosa