TECNOLOGIA

Ecco i primi cellulari compleamente “Made in Africa”

E’ arrivato un nuovo competitor per i colossi della telefonia? E’ presto per dirlo, ma anche il continente africano ha ora il suo contendente nel mercato degli smartphone. 

Il Gruppo Mara del Ruanda ha lanciato i primi due smartphone completamente ‘made in Africa’. Si chiamano Mara X e Mara Z e rappresentano un punto di svolta per il Ruanda e l’azienda, che entra così nel mercato interno degli smartphone e mira a concorrere nel tempo con i colossi globali di telefonia che attualmente dominano il mercato di settore del continente.

Mara X e Mara Z hanno come sistema operativo Android e saranno disponibili rispettivamente al prezzo di 175.750 franchi ruandesi (circa 170 euro) e 120.250 franchi ruandesi, pari a circa 128 euro.
Stando a quanto riporta Reuters, in Ruanda, i nuovi dispositivi del gruppo Mara avranno come principali competitor Samsung, il cui smartphone più acquistato nel Paese costa 50.000 franchi ruandesi (circa 49 euro) e vari smartphone senza marchio, disponibili al prezzo di circa 35.000 franchi ruandesi (34 euro).

Il presidente del Ruanda, Paul Kagame, si augura che i nuovi telefonini ‘Made in Africa’ riescano a stimolare l’utilizzo degli smartphone da parte della popolazione del Paese. Attualmente ne fa uso solo il 15% dei ruandesi. I cellulari Mara vogliono rendere la tecnologia accessibile a un più alto numero di cittadini del Ruanda, proponendo smartphone di qualità a prezzi più bassi dei competitor. Questo è sicuramente un primo passaggio verso una tecnologia più accessibile a tutti e non soltanto ad una piccola Élite come accade oggi in alcune regioni africane. 

Secondo il presidente, il Ruanda si candida così a diventare un moderno hub d’innovazione tecnologica e un polo di attrazione per l’intera regione centro-africana: “Gli smartphone Mara si uniscono a un elenco crescente di prodotti di alta qualità realizzati nel nostro Paese”, ha spiegato nella cerimonia di presentazione alla Mara Phones Factory di Kigali.

 

 

 

Contattaci
SHARE
RELATED POSTS
alexa
L’assistente vocale Amazon che potrà dar consigli e cure mediche
La nuova proposta Zuckerberg: nasce Facebook Neighborhood
Il fenomeno eSport