ATTUALITÀ

Test di ammissione a Medicina 2018

testmedicina2018

Ieri, 04 settembre, in tutta Italia, si è tenuto il Test di Medicina 2018: gli aspiranti medici hanno affrontato il temutissimo test di ingresso, con tutte le ansie e le aspettative che ogni anno questo momento riesce ad evocare.

Come già riportato in precedenza, il Miur ha mantenuto la stessa struttura dei test degli ultimi anni, con 60 quesiti a risposta multipla ripartiti in 2 domande di cultura generale, 20 domande di ragionamento logico, 18 domande di biologia, 12 domande di chimica e 8 domande di fisica e matematica. Cento minuti a disposizione dei candidati per svolgere la prova, tra preghiere, portafortuna e riti scaramantici, nella speranza di risultare tra i 9.779 che entreranno in Medicina e Chirurgia o tra 1096 per Odontoiatria.

Tra le prime impressioni raccolte tra chi l’ha sostenuto, il parere sembra piuttosto univoco: si è trattato di un test molto difficile, o per lo meno più difficile del previsto dai 67mila iscritti alla prova di ammissione. Delle venti domande di logica, la più ostica sembra che sia stata la domanda sui biscotti: si trattava di rispondere ad un quesito che parla di una festa con 50 dolcetti di quattro tipi, ma anche i frattali e la geometria non euclidea hanno mandato in confusione molti degli studenti. Di cultura generale, invece, è probabilmente la domanda sulla più antica costituzione ancora in vigore ad aver mietuto più “vittime”.

Il Miur ha successivamente pubblicato tutti i quesiti online, che sono quindi liberamente consultabili QUI, con le relative risposte corrette sempre posizionate alla lettera A.

Contattaci
SHARE
Dottore in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, laureato all’Università Statale di Milano con una tesi sull’editoria multimediale e la comunicazione online, è da diversi anni social media strategist, copywriter e autore per il Web, per la TV e per la radio.
RELATED POSTS
world-press-freedom-day
World Press Freedom Day: il rapporto Unesco sulla situazione dei media
Norman-Bates-Terminator
Creata l’intelligenza artificiale psicopatica: serve Freud 2.0?
psicofarmaci
Depresso un italiano su quattro: come affrontare l’emergenza psichica italiana