CINEMA

“Un’ultima risata”, ma c’è poco da ridere

Un-ultima-risata-netflix

Saranno state le facce dei due attori caratteristi e caratteristici degli anni ’90 ad attrarmi verso questa pellicola. O forse sarà stata la parola “risata” nel titolo, che quando si ha bisogno di allegria è un richiamo a cui è molto difficile resistere. In ogni caso, Un’ultima risata, film originale Netflix, scritto e diretto da Greg Pritikin, è la (ulteriore) prova che non si dovrebbe mai scegliere un libro per la copertina.

Al Hart (Chevy ChasePalla da golfI tre amigos!Avventure di un uomo invisibile) è un ex manager di comici ormai vecchio, ma con tanta voglia di rivivere i momenti di gloria. Convinto dalla nipote a trasferirsi in una casa di riposo, ritrova Buddy Green (Richard Dreyfuss, American Graffiti; Lo squalo; Stand by me), il primo cliente della sua carriera, un comico ritiratosi cinquant’anni prima dalle scene per diventare medico. Ad accomunarli, oltre al passato comune, la voglia di ridere ancora e un’avversione ad arrendersi alla propria età. Con questi presupposti, i due si convincono a vicenda a tornare in pista per un’ultima tournée, iniziando insieme un viaggio in un mondo che fanno sempre più fatica a riconoscere e comprendere, durante il quale non potranno evitare riflettere sul loro rapporto e le loro vite.

L’idea di partenza è quindi accattivante e la pellicola avrebbe potuto facilmente sviluppare il proprio potenziale nel clima odierno, puntando sul rapporto tra star da palcoscenico degli anni passati con il mondo moderno, tra contenuti virali e one-man-stand show su Netflix. Anche la diatriba sul politically correct e gli argomenti su cui sia consentito o meno fare umorismo, una tendenza nuova che non c’era all’epoca degli esordi di Buddy, avrebbe potuto essere uno spunto da approfondire. Purtroppo però Un’ultima risata non tocca queste tematiche. Al contrario, le evita come la peste per concentrarsi sulle disavventure e i disagi di due amici anziani che fanno i conti con la loro età.

La pellicola sembra pensata per lo stesso pubblico che avrebbe apprezzato i due protagonisti negli anni della loro giovinezza. Probabilmente, se fosse uscita nei cinema dieci o vent’anni fa avrebbe avuto un suo perché e magari riscosso anche un discreto successo. Al contrario, oggi su Netflix resta un prodotto piuttosto anonimo, senza nulla che faccia scattare la molla, senza nessuna scintilla, con un algoritmo che non lo favorisce. Si crea, purtroppo, una sorta di parallelismo tra la pellicola e i due attori protagonisti: per entrambi si tratta del primo ruolo centrale dopo tanti anni e la loro voglia di rimettersi in gioco è evidente. Ma nonostante il loro impegno e l’indiscutibile bravura di lunga data di entrambi, il materiale di base è troppo insipido perché da soli possano risollevare tutto il progetto.

Contattaci
SHARE
Dottore in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, laureato all’Università Statale di Milano con una tesi sull’editoria multimediale e la comunicazione online, è da diversi anni social media strategist, copywriter e autore per il Web, per la TV e per la radio.
RELATED POSTS
beautiful_boy
Beautiful Boy dal 13 giugno al cinema
sulla-mia-pelle
Sulla mia pelle: impossibile non guardare
venom
Venom, al cinema dal 4 ottobre 2018