ATTUALITÀ

La storia dell’afroamericano che divenne presidente dei neonazisti per poterli distruggere

James-Stern

Potrebbe essere una sceneggiatura per un film di Hollywood. E conoscendo le grandi industrie cinematografiche americane non è detto che non lo diventi prossimamente. Infatti, la storia del pastore afroamericano James Stern, che diventa presidente del più grande gruppo neonazista degli Stati Uniti con lo scopo di distruggerlo, ha qualcosa di epico e surreale al tempo stesso. Un retrogusto che si fa più intenso sapendo che è una storia vera.

Tutto sarebbe iniziato nel 2006, quando Stern passò cinque anni in carcere per frode postale nella stessa cella con Edgar Ray Killen, ex leader del Ku Klux Klan, condannato per l’omicidio di tre giovani attivisti per i diritti civili nel 1964 (questa brutta storia un film lo è già diventato: il celebre Mississippi Burning).

Durante questo periodo in carcere, Stern divenne in qualche modo amico di Killen, tanto da cercare invano di fargli cambiare le sue idee sugli afroamericani. Una volta uscito di galera, tuttavia, il pastore disse di aver ottenuto dal pluriomicida la nomina a suo tutore legale e il controllo su circa 40 acri di terreno di sua proprietà, in cui secondo Killen erano nascoste le prove di altri omicidi commessi da lui e dal Ku Klux Klan.

Inutili le proteste dell’avvocato e della famiglia di Killen, morto nel 2018: grazie a questi documenti e ad alcune lettere consegnategli dall’ex compagno di cella, Stern riuscì a far indagare altri membri del Ku Klux Klan ancora in vita e responsabili di diversi crimini.

Il meglio della storia però doveva ancora venire. Infatti, la strana relazione tra Stern e Killen non poteva passare inosservata a Jeff Schoep, che dal 1998 era presidente del National Socialist Movement, un gruppo di estremisti di destra “vecchia scuola” fondato nel 1974, che fino a non molto tempo fa aveva una svastica nel simbolo e che continua a celebrare Adolf Hitler. Uno dei movimenti più influenti dell’estrema destra statunitense.

Secondo Stern, nel 2014, Schoep iniziò a contattarlo per avere informazioni sul suo rapporto con Killen. Al contrario, Killen sostiene che sia stato Stern a cercare un approccio con lui sfruttando la sua conoscenza di Killen. Comunque sia andata, i due organizzarono un “incontro tra razze”, per far discutere civilmente alcuni membri di NSM e alcuni attivisti per i diritti degli afroamericani.

Lo scopo di Stern era chiaro e palese: «Dal primo giorno ho sempre detto a Schoep: “Non sono d’accordo con te. Non mi piaci!”, ma mi sono avvicinato a lui perché speravo di poterlo cambiare».

A questo punto non è ben chiaro come si sia sviluppata la relazione tra i due, ma a inizio 2019 Schoep chiese consiglio a Stern su una causa legale che lo preoccupava. Infatti, nel 2017, durante un raduno di estremisti di destra a Charlottesville, in Virginia, una donna che stava protestando contro il raduno morì investita da un militante neonazista. Per questo episodio, Schoep, l’NSM e altri gruppi neonazisti erano stati denunciati.

Schoep, forse in un momento di fragilità o debolezza, confessò di essere preoccupato da questa causa legale, pur non essendo coinvolto in prima persona nei fatti, e di essere stanco di come andavano le cose nel NSM. Fu a quel punto che Stern gli propose di cedergli il controllo legale sul gruppo, in modo da liberarsi sia dalle cause legali, sia dal peso della sua gestione.

Per quanto ora Schoep giuri di essere stato raggirato, a inizio gennaio presentò personalmente tutti i documenti necessari per il cambio di proprietà del movimento e del suo sito, rendendo effettiva la presidenza di Stern.

La prima mossa del pastore afroamericano come presidente è stata di chiedere a un giudice della Virginia di giudicare l’organizzazione colpevole per gli eventi del 2017 a Charlottesville. La sua prossima mossa, invece, sarà trasformare il sito di NSM, tra i più visitati tra quelli dei suprematisti bianchi, in un portale dedicato alla storia e alla memoria sull’Olocausto. Il suo scopo, come si è detto, era palese fin dall’inizio: far sparire completamente il NSM.

Non è chiaro cosa succederà ora, con Schoep che ha accusato Stern di raggiro e dichiarato l’intenzione di impugnare il passaggio di proprietà in tribunale e riprendersi la presidenza di NSM, ma una cosa è certa: dovrà comunque affrontare la causa a cui sperava di sottrarsi, perché incluso nell’elenco degli imputati.

Contattaci
SHARE
Dottore in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, laureato all’Università Statale di Milano con una tesi sull’editoria multimediale e la comunicazione online, è da diversi anni social media strategist, copywriter e autore per il Web, per la TV e per la radio.
RELATED POSTS
maturità-2018-commissione
Maturità 2018: aspettando il voto finale
Test-di-accesso-alle-facoltà-a-numero-programmato-2018
Test di accesso alle facoltà a numero programmato 2018/2019
Dipendenti contro Zuckerberg: limitare le fake news dei politici su Facebook